D.Lgs 231 e ODV

 Il Decreto Legislativo n. 231 del 2001 ha introdotto nell'ordinamento italiano il concetto di


D.Lgs 231 e ODV
network odv

 

Il Decreto Legislativo n. 231 del 2001 ha introdotto nell'ordinamento italiano il concetto di responsabilità amministrativa delle imprese per reati commessi da  amministratori, manager o dipendenti, collegando ed esse pesanti sanzioni pecunarie o interdittive. La disposizione prevede infatti l'attribuzione di alcuni tipi di reati non più solo alle persone fisiche che hanno commesso l'illecito, ma anche e soprattutto alle persone giuridiche quali ad esempio le società per cui lavorano.

I principali reati previsti da tale decreto sono quelli verso le Pubbliche Amministrazioni (quali truffa, concussione, corruzione, indebita percezione di erogazioni pubbliche, ecc.) e la maggior parte dei reati societari.

L'impresa può essere esentata dalla responsabilità (art. 6 del D.Lgs. 231/01) se fornisce la prova di aver efficacemente adottato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi, di vigilare sull'osservanza di tali modelli e che il reato è stato attuato da un soggetto che abbia eluso fraudolentemente i modelli di organizzazione e controllo.
In considerazione di quanto esposto risulta fondamentale l'adozione di un modello di organizzazione e gestione non solo per le imprese che hanno rapporti con le Pubbliche Amministrazioni (partecipazione a gare, contributi pubblici, ecc) ma anche per tutte quelle che rischiano di incorrere in illeciti societari.



Codice Etico

Il 15 dicembre 2010, in conformità con gli obiettivi e le disposizioni previste, il Consiglio di Amministrazione della Scuola Provinciale Apprendisti Edili ha approvato e adottato il Codice Etico, cui ha fatto seguito l'assunzione di un modello di organizzazione, gestione e controllo. Il Codice Etico può definirsi la carta dei diritti e doveri che stabilisce la responsabilità etico sociale ed oggettiva dei "portatori d'interesse" (Organi Sociali, Soci, Dipendenti, Collaboratori, Consulenti, Fornitori, Clienti, Pubblica Amministrazione, ecc.) nei confronti della Scuola Provinciale Apprendisti Edili e viceversa, sia in termini di principi generali sia in termini di condotte attese.

Modello organizzativo

Il modello organizzativo previsto dal D.Lgs. 231/01 deve:

  • consentire di individuare le attività dell'ente nel cui ambito possono essere commessi reati;
  • prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l'attuazione delle decisioni dell'ente il relazione ai reati da prevenire;
  • prevedere le modalità di individuazione e gestione delle risorse finanziarie destinate all'attività nel cui ambito possono essere commessi reati;
  • prevedere obblighi di informazione nei confronti dell'organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l'osservanza dei modelli;
  • prevedere un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate.

Il Modello di organizzazione e gestione è stato aggiornato ed approvato dal Consiglio di Amministrazione della Scuola Provinciale Apprendisti Edili il 15 dicembre 2010. Il Modello è suddiviso in una Parte Generale, contenente le prescrizioni del Decreto Legislativo, le funzioni e gli obiettivi del Modello stesso, le funzioni di controllo interno, e in una Parte Speciale, contenente le Disposizioni relative ai processi sensibili.

Organismo di Vigilanza

L'Organismo di Vigilanza della Scuola Provinciale Apprendisti Edili si è costituito il 22 dicembre 2010, con l'obiettivo di verificare il funzionamento e la corretta osservazione del Modello Organizzativo. 
In particolare l'ODV è chiamato a svolgere i seguenti compiti:

  • disamina in merito all'adeguatezza del modello, ossia della sua reale capacità di prevenire i comportamenti vietati;vigilanza sull'effettività del modello, che si sostanzia nella verifica della coerenza tra i comportamenti concreti ed il modello istituito;
  • analisi circa il mantenimento nel tempo dei requisiti di solidità e funzionalità del modello;
  • cura del necessario aggiornamento del modello, nell'ipotesi in cui le analisi operate rendano necessario effettuare correzioni, integrazioni ed adeguamenti

L'Organismo di Vigilanza della Scuola Provinciale Apprendisti Edili è composto dai seguenti membri:

  • Presidente - Avv. Alfredo Miccio
  • Consigliere - Rag. Gandolfi Massimo
  • Consigliere - Dott. Paolo Benedusi
Questo sito web fa uso di cookies al fine di migliorare l'esperienza di navigazione.
Continuando ad utilizzare questo sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all'utilizzo dei cookies.
Maggiori informazioni sull'uso dei cookies